Essere all’altezza delle sfide del futuro

07 Luglio 2023

Essere all’altezza delle sfide del futuro

By Cavaliere del Lavoro Mario Magaldi, Presidente del Gruppo Magaldi

 

Fare previsioni è molto difficile, soprattutto sul futuro”, amava ripetere il celebre fisico Niels Bohr. Ciononostante, qualche considerazione sulla direzione degli scenari della transizione energetica ed ecologica in atto la si può fare.

La transizione energetica rappresenta un aspetto di una più ampia transizione culturale. Diventa sempre più diffusa la consapevolezza di promuovere un nuovo modello socio-economico, rigenerativo e circolare, che possa sostituirsi a quello attuale, estrattivo e lineare, che corrode le risorse naturali, consuma suolo, acqua ed aria senza speranza di ricostituire l’ambiente originario. Dato ancora più significativo è che accanto alla sensibilità etica e culturale sta divenendo maggioritaria la coscienza secondo cui la transizione ecologica sia da considerarsi ormai anche come una necessità economica. Tutelare l’ambiente era ed è comunque una questione in sé importante, ma la novità è che si sta diffondendo l’idea che vede ambiente e rigenerazione delle risorse strettamente intrecciare con la crescita. Il futuro dell’ambiente è per molti aspetti anche il futuro delle economie.

Un altro elemento che senz’altro caratterizzerà lo scenario dei prossimi anni ha a che fare con la sicurezza nel reperimento delle materie prime. La scelta del sistema produttivo a favore del risparmio energetico non può slegarsi dalla scelta di una maggiore indipendenza rispetto a future turbolenze dei mercati, anche in vista dei nuovi obblighi di rendicontazione di sostenibilità che l'UE e la BCE hanno imposto sugli operatori economici e finanziari. Come dopo gli shock petroliferi del 1973 e del 1980, le imprese si stanno dando ambiziosi piani di cambiamento delle tecnologie produttive a favore di quelle a minore uso di energia e basate su fonti rinnovabili.
Il duello sul controllo delle "terre rare" è destinato a segnare i prossimi decenni. Il loro fabbisogno globale è in crescita travolgente: secondo alcune stime della Banca Mondiale e della Commissione europea potrebbe aumentare di sei volte entro il 2030 e sette volte entro il 2050. È questa la cornice entro cui programmare gli interventi necessari allo sviluppo di politiche tese a decarbonizzare l’economia senza incidere sulla stabilità del sistema economico e geopolitico. Ed è in questa cornice in cui si inserisce la nostra spinta a innovare partendo da materiali non solo amici dell’ambiente ma anche facilmente reperibili.

Magaldi Green Thermal Energy Storage (MGTES), per esempio, è una rivoluzionaria batteria che contiene sabbia. Quest’ultima, riscaldata fino a 600 gradi, trattiene, per giorni o addirittura settimane, l'energia in eccesso generata da fonti rinnovabili, con perdite minime, per poi rilasciarla sotto forma di vapore o aria calda quando il sole e il vento non sono disponibili.
Questa innovazione brevettata è rivoluzionaria, non solo per la centralità dei sistemi di accumulo di energia nella filiera della decarbonizzazione, ma anche perché utilizza materiali facilmente reperibili, fattore critico nel momento storico odierno.

MGTES rappresenta una svolta significativa rispetto ai metodi convenzionali di stoccaggio dell'energia e attinge a oltre 40 anni di esperienza nella movimentazione di materiali a temperature molto elevate, come le ceneri pesanti scaricate da caldaie che bruciano combustibili fossili. Il sistema MAP® (Magaldi Ash Postcombustor) installato presso la centrale elettrica di Isalnita in Romania è un eccellente esempio della expertise Magaldi nelle applicazioni ad alta temperatura.

News

Estrazione a secco delle scorie: delegazione taiwanese in visita al termovalorizzatore di Desio per studiare il sistema Ecobelt® WA

03 Luglio 2024

Martedì 2 luglio, l’impianto di Brianza Energia Ambiente a Desio ha aperto le porte a una delegazione di tecnici della città di Kaohsiung (Taiwan) e rappresentanti di aziende taiwanesi impegnate sul fronte dei servizi ambientali. Scopo della visita, approfondire il tema del recupero delle scorie di combustione, che a Desio avviene grazie all’innovativo sistema Magaldi di estrazione a secco.

Leggi di più

News

Magaldi entra in HILT CRC - Heavy Industry Low-carbon Transition Cooperative Research Centre

30 Maggio 2024

Magaldi è diventata Key Partner della HILT CRC, a conferma dell'impegno aziendale nello sviluppo di soluzioni innovative per la transizione energetica e la riduzione delle emissioni di carbonio nelle industrie pesanti.

Leggi di più

News

Il percorso verso la sostenibilità passa attraverso il riciclo dei rottami

15 Aprile 2024

La transizione dal tradizionale percorso BF-BOF alla produzione di acciaio basata sul riciclo dei rottami è un passaggio fondamentale per assicurare un futuro sostenibile all'industria siderurgica.  L'aumento dell'utilizzo dei rottami diventa essenziale per realizzare un modello di economia circolare e traguardare la produzione di acciaio verde. Magaldi ha sviluppato sistemi di trasporto altamente flessibili che rispondono efficacemente all'esigenza di movimentare diverse tipologie di rottami in tutte le fasi del processo produttivo.

Leggi di più

News

Affidabilità e lunga vita utile: questa è Magaldi per la centrale STEAG di Mindanao

11 Marzo 2024

Nella centrale elettrica a carbone di Mindanao, nelle Filippine, dal 2006 sono in funzione due sistemi MAC® per l'estrazione a secco delle ceneri pesanti, con il nastro originale che non ha mai avuto bisogno di sostituzione.

Leggi di più