TRASPORTATORI A NASTRO IN ACCIAIO AD ELEVATE PRESTAZIONI DAL 1929

Zanardi Fonderie

LA SFIDA

Nel 2000, la Magaldi è stata chiamata a fornire una soluzione sostenibile - in termini di ingegneria d’impianto, di processo, sicurezza, affidabilità e protezione dell’ambiente - per fare fronte ai gravosi problemi seguiti all’ammodernamento della linea di formatura nello stabilimento di Zanardi Fonderie.
Infatti, a seguito dell’intervento di modernizzazione della linea di formatura, il canale vibrante sotto lo smottatore si impaccava, nonostante il fornitore avesse installato delle resistenze per mantenere in temperatura le pareti.
Il trasportatore a catena di tipo “Apron” caricato dal vibrante lasciava cadere terra verde lungo il percorso ed il manipolatore, utilizzato per sgretolare le motte prima dell’ingresso nel tamburo sterratore a oltre 6 metri d’altezza, deformava le tapparelle.

 

IL CLIENTE

Azienda a conduzione familiare, giunta alla quarta generazione, la Zanardi Fonderie S.p.A. è specializzata nella produzione di getti in ghisa sferoidale e ghisa a grafite sferoidale austemperata (ADI) formati in terra verde.
La produzione, comprensiva di lavorazioni meccaniche e trattamenti termici ad alta tecnologia, ha luogo nello stabilimento di Minerbe (Verona) che ha una capacità produttiva, orientata prevalentemente su serie medie, di circa 22 mila tonnellate di ghisa all’anno, di cui 10 mila in ADI con getti di peso unitario tra 1 e 120 kg.

 

LA SOLUZIONE

Il trasportatore Magaldi Superbelt® realizzato per la fonderia di Minerbe presenta una prima sezione in orizzontale, lunga 10 metri, progettata con piastre in acciaio al manganese ≥400HB per assorbire gli urti del manipolatore e l’impatto di 220 motte/ora, con un peso superiore ai 1.000 kg, che cadono sul nastro da un’altezza di oltre 1.500mm.
La seconda sezione del nastro è, invece, inclinata a 25° per scaricare direttamente sul tamburo sterratore.
La macchina si completa con un recuperatore fini Magaldi Spill-chain situato nella parte inferiore lungo tutto il tratto inclinato, e con una spazzola motorizzata situata nella zona del tamburo di trazione per raccogliere l’eventuale terra che dovesse staccarsi dalle piastre del nastro.

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI