TRASPORTATORI A NASTRO IN ACCIAIO AD ELEVATE PRESTAZIONI DAL 1929

La nostra storia

Gli inizi

Il gruppo Magaldi trae le sue origini dalle brillanti intuizioni di una famiglia di inventori, di cui si hanno informazioni storiche già a partire dal 1596.
É nell’800, però, che la famiglia Magaldi inizia a sviluppare invenzioni industriali: nell’officina di proprietà di Eduardo si producono i primi gasogeni ad acetilene per l’illuminazione e successivamente anche pompe irroratrici per uso agricolo.
L’attività industriale vera a propria nasce, però, nel 1901 quando Emilio Magaldi brevetta una speciale cinghia di trasmissione di potenza, denominata “Supercinghia”, fatta di strisce di pelle di bufalo tenute insieme da rivetti in acciaio, estremamente affidabile e praticamente indistruttibile. In Francia e in Spagna, Emilio concede i diritti derivati dal brevetto ad aziende locali come la Getting and Jonas a Sur Seine Saint Denis (Francia) e Industria de Cuero Armado a Barcellona (Spagna).
Nel 1929, Paolo, suo nipote, decide di avviare la produzione diretta della Supercinghia in un laboratorio specializzato, incanalando le sue energie imprenditoriali verso la produzione e la commercializzazione di questo eccezionale prodotto.

Anni ‘30

Negli anni ‘30, Paolo Magaldi, figlio di Edoardo, porta una ventata di innovazioni trasformando la società in una moderna realtà industriale grazie allo sviluppo di prodotti innovativi e ad una campagna di marketing B2B (Business-to-Business) estremamente all’avanguardia per i tempi.
La sua newsletter tecnica, ricca di suggerimenti su come utilizzare la Supercinghia Magaldi ed i benefici della sua affidabilità, viene inviata a tutti i potenziali clienti su base trimestrale.
Nel 1932, Paolo brevetta una tecnica per il taglio della pelle di bufalo “a spirale”, in modo da produrre un’unica lunga striscia: un’innovazione tecnica capace di rendere la Supercinghia ancora più affidabile.
Diventa così possibile ottenere cinghie di oltre cento metri di lunghezza ed eliminare le centinaia di giunture necessarie nelle produzioni precedenti.
Ben presto, la Supercinghia conquista il mercato delle cinghie piane di trasmissione di potenza, utilizzate in acciaierie, mulini, cartiere, cantieri navali e nelle industrie pubbliche e private.

Anni ‘40

Fatte di larghe strisce di cuoio con giunti posizionati molto vicini tra loro, sotto stress, le tradizionali cinghie di trasmissione sono soggette a rotture improvvise nel loro punto più debole, causando l’interruzione del funzionamento delle macchine oltre ad essere un pericolo per gli operatori.
Al contrario, la Supercinghia Magaldi, garantita per almeno 5 anni, offre ai Clienti maggiore affidabilità contro il rischio di guasti improvvisi.
Tale peculiarità diventa fondamentale in tempo di guerra per le industrie che producono armi e, nel periodo post-bellico, per la ricostruzione industriale del Paese.

Anni ‘50

Negli anni del post-guerra, la ripresa dell’industria italiana fatica a decollare.
Il concetto di affidabilità diventa ancora più importante sia per le aziende che operano con un processo di produzione in continuo (cemento, acciaio, centrali termoelettriche) sia per tutte quelle applicazioni che richiedono un approccio particolare a causa dell’aggressività del materiale trasportato e/o per le difficili condizioni di processo.
Negli anni ‘50, Paolo Magaldi sviluppa l’idea che la Supercinghia sarebbe potuta diventare il trasportatore ideale per movimentare i materiali in condizioni di processo “difficili”.
La ricerca di nuove opportunità di business porta alla creazione di una Joint Venture con un’azienda indiana produttrice di cuoio che possiede fabbriche e concerie a Calcutta.
Nel 1958 viene fondata la National Magaldi Ltd di Calcutta, destinata alla produzione e commercializzazione della Supercinghia per il mercato indiano.

Anni ‘60

Le nuove cinghie di trasmissione fatte di cuoio “Nylmag” e nylon ampliano la gamma di prodotti della Magaldi e danno inizio alla produzione del primo trasportatore in gomma, antesignano del trasportatore a nastro metallico che di lì a poco Paolo avrebbe brevettato.
Nasce, infatti, un nuovo nastro trasportatore in acciaio in grado di resistere alle alte temperature e trasportare materiali difficili. Installati inizialmente in aziende minerarie e cementifici, i nastri vengono sottoposti a continui test per massimizzarne l’affidabilità operativa.

Anni ‘70

In questi anni, l’azienda concentra i suoi sforzi sulla creazione di un nastro di acciaio corazzato, installato per la prima volta presso le Fonderie Sorgato a Novara e la Cementi della Lucania ad Avigliano.
Negli anni successivi, il nastro corazzato è installato in diverse altre fonderie e cementifici diventando, dopo una ottimizzazione derivante dall’esperienza operativa accumulata, l’attuale Magaldi Superbelt®.
Il primo ordine importante giunge nel 1975 da Italcementi, per la fornitura di 4 Superbelt® aventi una lunghezza totale di più di 300 metri, destinati al trasporto di clinker nell’impianto di Colleferro. L’azienda inizia ad ampliare il suo portfolio di prodotti producendo sistemi di carico per navi cargo, lunghi trasportatori per le attività estrattive e per la movimentazione di materiali in condizioni di processo difficili.

Anni ‘80

Negli anni ‘80, con l’evoluzione del mercato e grazie all’esperienza accumulata nel corso degli anni con il nastro Superbelt®, la Magaldi sviluppa il MAC® (Magaldi Ash Cooler): un sistema per l’estrazione, il raffreddamento e il trasporto a secco delle ceneri pesanti in centrali che bruciano combustibile solido.
Questa tecnologia permette di risparmiare milioni di tonnellate di acqua e offre un elevato livello di affidabilità per il funzionamento in continuo dei sistemi di movimentazione delle ceneri pesanti.

Anni ‘90

Negli anni ‘90, il Gruppo Magaldi inizia la sua espansione verso i mercati internazionali.
La tecnologia a secco MAC® comincia ad essere riconosciuta come valida alternativa per superare i problemi posti dai tradizionali sistemi ad umido. Risparmio di acqua, elevata affidabilità, miglioramento dell’efficienza della caldaia e molti altri vantaggi fanno del MAC® la “migliore tecnologia disponibile” per l’estrazione delle ceneri pesanti.
Ben presto, accordi di cooperazione internazionali con partner qualificati vengono stretti dalla Magaldi allo scopo di consolidare la sua presenza e diffondere ancor più le sue tecnologie affidabili in aree geografiche sempre più estese.
Nel 1993 viene, così, siglato l’accordo di licenza – tuttora in vigore - con la Kawasaki Heavy Industries, per la distribuzione e la commercializzazione delle tecnologie Magaldi in Giappone.

Il Nuovo Secolo

All’inizio del Nuovo Secolo, il Gruppo Magaldi è una realtà già ben affermata sui mercati internazionali, contando oltre 1.200 progetti realizzati in tutto il mondo per la fornitura di macchine e l’installazione di impianti chiavi in mano destinati ad applicazioni in condizioni di processo estreme.
Un team di Ricerca&Sviluppo è costantemente impegnato nel miglioramento delle tecnologie esistenti e nello sviluppo di nuove soluzioni affidabili ed ecosostenibili.
Protette da brevetti internazionali, le tecnologie Magaldi sono focalizzate sull’affidabilità operativa, l’efficientamento energetico e l’ecosostenibilità.
Nel 2001 viene istituita la Magaldi Power S.p.A., con lo scopo di sviluppare e aumentare il volume di vendite delle soluzioni Magaldi sui mercati internazionali.
Ad oggi, oltre 200 sistemi MAC® sono stati installati in centrali elettriche di tutto il mondo, per un totale di circa 73.600 MWe serviti, mentre oltre 1.000 trasportatori Superbelt® ed Ecobelt® sono operativi presso fonderie, impianti siderurgici e metallurgici, cementerie ed impianti di riciclaggio di materiali ferrosi e non-ferrosi.
Nel 2003, nasce la Magaldi Power Pty Ltd. per consolidare la presenza sul mercato australiano.
Segue la costituzione degli altri branch del Gruppo: nel 2007 la Magaldi Power GmbH in Germania, nel 2008 la Magaldi Power India Pvt. Ltd. e nel 2015 la Magaldi Technologies LLC negli Stati Uniti.
Negli ultimi anni, il Gruppo si è fatto largo anche nel campo delle energie rinnovabili, sviluppando e brevettando una innovativa tecnologia solare a concentrazione (CSP) con accumulo termico, denominata STEM® (Solar Thermo Electric Magaldi), la cui commercializzazione è affidata alla Magaldi Sun S.p.A., costituita nel 2016.

La filosofia aziendale è riassunta in un breve motto in grado di riassumere i nostri valori: “Affidabilità attraverso l’innovazione dal 1929”.