MAGALDI OPEN DAY 2017: LA TECNOLOGIA “A SECCO” ECOBELT® WA AL SERVIZIO DEL WASTE-TO-ENERGY

Lo scorso 5 Ottobre si è svolto presso il termovalorizzatore di San Vittore del Lazio (FR), di proprietà della multi-utility italiana ACEA SpA, il primo Magaldi WtE Open Day.
Da anni, il Gruppo Magaldi - leader mondiale nella progettazione, installazione e messa in servizio di sistemi per la movimentazione meccanica di materiali in condizioni di processo difficili - si è affermato anche nel settore della termovalorizzazione di rifiuti, ponendo la sua tecnologia “a secco”, nota per l’elevata affidabilità ed il rispetto dell’ambiente, al servizio di impianti che convertono rifiuti in energia elettrica e/o termica.

L’evento, organizzato in stretta collaborazione con ACEA Ambiente, ha visto la partecipazione dei principali player nazionali ed internazionali del settore del Waste-to-Energy. Oltre 120 ospiti provenienti dalle grandi firm italiane dei termovalorizzatori (Herambiente, A2A Ambiente, Iren Energia, Falck Renewables, tra le altre), ma anche ospiti internazionali dal Giappone (Kawasaki Heavy Industries) all’Azerbaijan (Tamiz Shahar JSC), dalla Francia (CNIM) alla Germania (Doosan Lentjes), hanno partecipato al dibattito tecnico sui vantaggi dell’estrazione a secco delle scorie da combustione di rifiuti e, in particolare, della tecnologia Ecobelt® WA sviluppata dalla Magaldi e installata anche presso il termovalorizzatore di San Vittore del Lazio.

Dopo il benvenuto di ACEA e Magaldi, si è entrati nel vivo dell’evento con la presentazione dei vantaggi del sistema per l’estrazione “a secco”, quindi senza l’impiego di acqua, ed il trasporto delle scorie prodotte dalla combustione di rifiuti su griglie mobili, tamburi rotanti o letti fluidi.
Rispetto ai tradizionali sistemi “ad umido”, l’Ecobelt® WA assicura:

  • Zero utilizzo di acqua. Nessun problema di contaminazione da metalli pesanti. Riduzione del quantitativo di scorie e dei costi di conferimento a discarica;
  • Possibilità di recuperare con più efficienza i metalli ferrosi e non-ferrosi dalle scorie estratte a secco;
  • “Damage-tolerant design” del nastro trasportatore Magaldi Superbelt®, che garantisce elevata affidabilità, minime usure, bassi assorbimenti di potenza e livelli di rumore, ridotti costi di O&M, lunga vita utile, max sicurezza per gli operatori;
  • Possibilità di recuperare il calore sensibile e l’energia chimica delle scorie.

Tali vantaggi sono stati testimoniati, oltre che dalla stessa ACEA Ambiente, anche dai Responsabili di GESPI e KEZO, rispettivamente proprietari dei termovalorizzatori di Augusta e Hinwil vicino Zurigo e utilizzatori della tecnologia Ecobelt® WA, e da RENDINA Ambiente che ha in corso con la Magaldi uno studio di avanprogetto per la fornitura di un Ecobelt® WA presso l’impianto di Melfi.
Le testimonianze hanno messo in rilievo la capacità della Magaldi di fornire sistemi “customizzati” in base alle specifiche esigenze dei clienti. Ogni cliente viene seguito con competenza in tutte le fasi di sviluppo del progetto: dallo studio di fattibilità all’installazione fino ai servizi di assistenza post-vendita.

L’evento è poi proseguito con un tour sulla Linea #3 del termovalorizzatore di San Vittore del Lazio, uno dei maggiori impianti in Italia, equipaggiato con tre linee di incenerimento - ognuna con una potenza termica di circa 54 MW - e una capacità ricettiva complessiva autorizzata per 397.200 ton/anno di CSS (combustibile solido secondario).
Nello specifico, la Magaldi ha realizzato il retrofit delle Linee #2 & 3, sostituendo i trasportatori a catena immersi in bagno d’acqua con altrettanti Ecobelt® WA. Ciò ha permesso l’eliminazione dell’acqua per il raffreddamento delle scorie e una significativa riduzione del quantitativo di scorie e dei relativi costi di conferimento.